Banca Etica presenta il suo primo Report di Impatto

29 Mag 2020
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Banca Etica ha realizzato il suo primo Report di Impatto per misurare concretamente gli impatti socio ambientali delle proprie attività. Il report è stato presentato in occasione dell’assemblea dei soci e delle socie lo scorso 16 maggio. L’ambizione della banca è che questo report possa «funzionare come esempio di riferimento nel panorama bancario nazionale e internazionale, sia per la rendicontazione di tutti gli impieghi della Banca in termini di impatto socio-ambientale sia per la ricchezza delle informazioni disponibili», si legge in una nota.

Secondo il documento, nel 2019 la banca ha erogato 222 milioni di euro in crediti a organizzazioni non profit e imprese sociali. Il 28% delle imprese finanziate sono imprese femminili, che hanno creato mille nuovi posti di lavoro. Tra i prestiti a favore di persone fisiche, invece, il 44% ha riguardato donne e il 20% cittadini di origine straniera.

Tra i principali risultati dell’impatto positivo generato dai crediti erogati nel 2019, Banca Etica sottolinea che le organizzazioni finanziate, a loro volta, hanno creato 9.800 nuovi posti di lavoro; consentito l’inserimento lavorativo per 4mila persone “fragili”; e recuperato 11 imprese vicine al fallimento, salvando 425 posti di lavoro. Per quanto riguarda l’assistenza, sono stati erogati servizi socio-assistenziali di cui hanno beneficiato 38mila persone; resi disponibili alloggi in social housing per 474 nuclei familiari; assistiti 13mila pazienti; oltre all’offerta di una «dignitosa accoglienza» per 8.300 migranti.

L’impatto sociale ha toccato anche la cultura, lo sport e l’istruzione. Con i crediti erogati, le imprese sociali hanno organizzato 4.100 eventi culturali a cui hanno partecipato 885mila persone; permesso a 107mila persone di partecipare a corsi di istruzione/formazione e di portare avanti 540 progetti di ricerca; garantito a 138mila persone di ricevere assistenza in progetti di cooperazione internazionale; e avvicinato allo sport 58mila persone.

Nel settore ambientale, invece, le imprese finanziate hanno coltivato quasi 5mila ettari con agricoltura biologica, producendo oltre 18mila tonnellate di cibo biologico; riciclato 204mila tonnellate di rifiuti; prodotto un milione di metri cubi di acqua potabile; installato 6MW di impianti a energia rinnovabile; ed evitato emissioni per 4900 tonnellate di CO2.

 

Lascia un commento