Candriam lancia un “Istituto per lo Sri” e una “Academy”

26 Lug 2016
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Candriam  amplia la propria gamma con strategie innovative, tra cui il debito dei mercati emergenti e i titoli high yield. E spinge sull’acceleratore della formazione, creando un Istituto per l’Investimento Responsabile, che avrà lo scopo di sensibilizzare i professionisti e il pubblico più ampio riguardo ai temi della finanza sostenibile. Parallelamente, Candriam lancerà anche una “Candriam Academy”, una piattaforma online di contenuti e di formazione destinata ai consulenti finanziari in Europa.

Per presentare agli investitori un’offerta omogenea e trasparente, Candriam ha anche creato una Sicav che raggruppa tutte le sue strategie Sri.

Infine, nell’ambito della sua strategia di sviluppo oltreoceano, Candriam esporterà la sua esperienza nell’Sri negli Stati Uniti. A tal proposito, il Gruppo sta sviluppando una partnership con IndexIQ1, un’altra boutique di investimento di Nylim.

Lo sviluppo degli investimenti socialmente responsabili in Europa è giunto a un punto di svolta. Secondo uno studio condotto da Candriam Investors Group tra diversi distributori provenienti da 8 Paesi europei, la maggior parte di essi propone oggi fondi Sri ai propri clienti. Ancor più, oltre il 60% di essi è convinto del valore aggiunto dell’Sri, e oltre il 70% prevede una crescita di questo tipo di fondi nei prossimi 10 anni. La distribuzione di questi fondi è ancora limitata dalla mancanza di domanda da parte dei clienti, dall’insufficienza dell’offerta e dalla scarsità di informazioni disponibili.

Nei prossimi 5 anni, i consulenti prevedono un aumento significativo di fondi Sri e della domanda da parte dei clienti, per merito della maggiore trasparenza del processo di investimento e del maggior numero di informazioni disponibili.

«L’investimento socialmente responsabile – spiega Naïm Abou-Jaoudé, CEO di Candriam Investors Group – rappresenta il mezzo migliore per influenzare i comportamenti delle imprese e per sostenerle nel ridurre l’impatto ambientale e sviluppare un impatto sociale positivo. Questa è la filosofia che seguiamo da 20 anni e che è al centro della strategia della nostra azienda».

Lascia un commento