Diversity e performance Esg, la posizione di Frontis Governance

6 Feb 2019
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico
Il proxy advisor italiano Frontis Governance ha pubblicato l’aggiornamento per il 2019 delle guidelines per le società italiane. Tra queste, anche la diversità di genere e criteri di performance legati alla sostenibilità.  Le guidelines sono state definite sulla base dei principi generali definiti dai partner del network Ecgs, applicati alle specificità del mercato italiano. Nella definizione dei principi, i partner di Ecgs hanno tenuto conto delle osservazioni e dei commenti dei propri clienti investitori istituzionali.

In particolare, sul fronte dei criteri di performance legati alla sostenibilità, Frontis Governance afferma:

«La previsione di parametri di performance collegati alla sostenibilità ambientale e/o sociale è generalmente supportata, purché i parametri utilizzati siano misurabili e chiaramente allineati con le caratteristiche e le strategie dell’emittente. In seguito a segnalazioni ricevute da investitori specializzati in tema di sostenibilità, si è specificato che la mera presenza o il ranking negli indici di sostenibilità non è valutata positivamente. Tale parametro di performance rischia infatti di incentivare comportamenti di breve termine, non necessariamente allineati alle strategie dell’emittente, volti esclusivamente all’attribuzione di un punteggio da parte dei fornitori degli indici».

Con riferimento alla diversità di genere, il proxy advisor rileva:

«Per la generalità delle società quotate italiane, con il prossimo rinnovo delle cariche societarie verrà a scadenza l’obbligo legale di prevedere che ciascun sesso sia rappresentato da almeno un terzo dei componenti degli organi societari (la Legge “Golfo-Mosca” del 2011 trova applicazione per tre mandati consecutivi, di massimi 3 esercizi ciascuno). Frontis Governance supporta iniziative societarie (modifiche statutarie o regolamentari) volte a superare la temporaneità del vincolo normativo, assicurando permanentemente l’equilibrio tra i generi nella composizione degli organi societari. Secondo i principi del network Ecgs, ciascun genere dovrebbe rappresentare almeno il 30% dei componenti gli organi societari».

Frontis specifica che le guidelines rappresentano esclusivamente i principi generali su cui si basano le analisi, «ma non sono e non devono essere applicate in maniera meccanica a tutte le realtà analizzate». Le analisi dsono effettuate caso per caso, tenendo in considerazione i propri principi e le specificità dell’emittente e del settore in cui opera.

Lascia un commento