Due giovani su tre prospettano di stare peggio dei padri

17 Set 2018
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Aumenta il pessimismo delle nuove generazioni in termini di difficoltà di percorso di vita e carriera. In particolare, «8 su 10 rilevano oggi un’accentuata disuguaglianza intergenerazionale in Italia: per il 66% degli intervistati, analizzando il contesto in termini generali, chi oggi studia o inizia a lavorare prospetta per sé un tenore di vita e una posizione sociale ed economica peggiori rispetto alla precedente generazione. Un quarto immagina una permanenza di status e opportunità simili a quelle della generazione dei propri genitori e solo il 9% ipotizza condizioni migliori». Sono i risultati dell’indagine “I giovani italiani e le disuguaglianze“, condotta dall’Istituto Demopolis per Oxfam Italia.

«Sono diversi gli ambiti nei quali i giovani si ritengono penalizzati – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento -. Il 78% indica, al primo posto, la precarietà del lavoro con le minori tutele contrattuali; il 75% l’incertezza sul futuro, la convinzione di non poter contare in prospettiva sulle stesse certezze delle quali ha goduto la generazione dei propri genitori. 7 su 10, inoltre, lamentano la dimensione penalizzante di retribuzioni basse o inadeguate e il 67% individua inique prospettive previdenziali e di accesso alla pensione».

Lascia un commento