Equileap, le top 20 per gender equality. Unica italiana: Enel

10 Apr 2020
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

A livello esecutivo e dirigenziale, le donne europee sono ancora sotto-rappresentate: in media, costituiscono il 31% dei membri del consiglio di amministrazione, il 16% dei direttori esecutivi, 25% del senior management. Il dato emerge dallo studio “Gender Equality in Europe” di Equileap, pubblicato a marzo, che valuta la performance sui temi di uguaglianza di genere delle 255 principali società quotate in Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Polonia, Romania, Spagna e Svezia.

La ricerca, finanziata dalla Commissione europea, include anche una classifica delle maggiori società europee in base al loro impegno sul tema. La valutazione si basa su 19 criteri, tra i quali l’equilibrio di genere all’interno della forza lavoro, il divario retributivo, il congedo parentale retribuito e le politiche sulle molestie sessuali. Le prime 20 posizioni del ranking sono dominate dalle società francesi che occupano undici posizioni, delle quali otto nella Top 10. Il podio è tutto transalpino: L’oréal, Kering e Sanofi. L’unica società italiana presente nelle prime 20 posizioni è Enel al diciottesimo posto.

Dallo studio è emerso che, in generale, tendono a ottenere i punteggi più alti le società dei Paesi in cui è presente una legislazione che impone alle aziende di raggiungere obiettivi di parità di genere, ad esempio quote per le donne nei consigli di amministrazione o il congedo parentale retribuito, e di pubblicare i relativi dati.

Inoltre, la ricerca rivela una mancanza di trasparenza sul divario retributivo di genere: il 72% delle società non ha reso note le informazioni retributive separate per genere. Italia e Spagna, invece, sono in controtendenza: il 58% delle aziende italiane dell’indice Ftse Mib 40 e il 74% delle società spagnole dell’indice Ibex 35 pubblica i propri dati sulla retribuzione di genere. Nello specifico, l’italiana Enel e le spagnole Iberdrola e Red Eléctrica sono le uniche società senza divario retributivo tra uomini e donne.

Lascia un commento