I cinque vincitori di Culturability sugli spazi da rigenerare

19 Set 2016
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Sono stati annunciati i cinque progetti vincitori del bando “Culturability”, di Fondazione Unipolis, sulla cultura e innovazione sociale in spazi da rigenerare. A ognuno andranno 50mila euro e un percorso di accompagnamento. Sono stati scelti tra 522 provenienti da tutta Italia, e tra i 15 finalisti che avevano partecipato alle giornate formative: 400 mila euro il valore complessivo del bando culturability.

I cinque progetti selezionati raccontano di «edifici pubblici inutilizzati – si legge nella nota -, fabbriche dimesse, caserme chiuse, cascine abbandonate, piazze vuote che riprendono vita, rinascendo come luoghi di cultura e spazi di comunità». La call era infatti indirizzata al sostegno di progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerano spazi abbandonati o sottoutilizzati.
I cinque vincitori:

  • CasciNet: rigenerare terra, persone, territori (Milano);
  • CasermArcheologica + Art Sweet Art (Sansepolcro – Arezzo);
  • Hostello delle idee (Terni e Rieti);
  • LAB+: Piazza Gasparotto Urban Living Lab (Padova);
  • MUFANT – MuseoLab del Fantastico e della Fantascienza di Torino.

La scelta è stata effettuata da un’apposita Commissione di Valutazione fra i 15 progetti finalisti che, avendo superato la prima fase di selezione del bando nel mese di maggio, erano stati ammessi a un primo percorso di accompagnamento e formazione (organizzato da Unipolis in collaborazione con Avanzi/Make a Cube e Fondazione Fitzcarraldo) finalizzato a migliorare e sviluppare le diverse proposte.

Lascia un commento