In sottoscrizione i Creval Social Bond per l’Arcidiocesi di Milano

29 Nov 2016
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Si è aperta la sottoscrizione delle obbligazioni Creval Social Bond per Arcidiocesi di Milano (i cui  termini, condizioni e rischi sono dettagliati nella documentazione d’offerta disponibile presso le filiali del Credito Valtellinese e sul sito www.creval.it), che consentirà al Credito Valtellinese di devolvere un contributo pari allo 0,50% del valore nominale collocato all’Arcidiocesi stessa, che lo utilizzerà per sostenere il progetto «Ospedale Missionario Chirundu» in Zambia.

Le obbligazioni “Credito Valtellinese 30/12/2016 – 30/12/2019 –per Arcidiocesi di Milano” (Isin IT0005220881) sono caratterizzate da un interesse annuo lordo dell’1,00%, con cedole semestrali. Il taglio minimo è di 10.000 euro e il periodo di offerta si chiude  il 29 dicembre 2016.

Questa emissione ha come obiettivo il finanziamento dell’ospedale che si trova in una zona rurale ed è, quindi, inserito in un contesto di grande povertà caratterizzato da infrastrutture inadeguate e decadenti, malnutrizione, malattie e disoccupazione. Come si legge sul sito di Creval questa situazione è aggravata dalle avverse condizioni climatiche caratterizzate da una lunga stagione di caldo secco e dalla siccità. L’ospedale di Chirundu, con 5.080 ricoveri all’anno (durata media del ricovero circa 6 giorni), 553 operazioni chirurgiche, 48.741 casi consultati presso il poliambulatorio, 3.235 vaccinazioni complete a bambini, svolge una funzione di riferimento fondamentale in un paese dove i tagli alla spesa sanitaria sono talmente consistenti da non consentire neppure la minima assistenza a gran parte di una popolazione, la cui aspettativa di vita non supera i 40 anni e dove malaria, tubercolosi e Aids interessano un numero sempre maggiore di persone. Le somme raccolte andranno dunque a sostenere il progetto “Ospedale Missionario Chirundu” in Zambia al servizio delle popolazioni locali che si trovano in condizioni di particolare disagio e indigenza.

Lascia un commento