Investitori italiani sempre più Sri, ma chiedono più informazione

2 Ott 2018
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Per il 73% degli italiani, un comportamento socialmente responsabile delle società è considerato un fattore più rilevante nelle scelte d’investimento rispetto a quanto non lo fosse 5 anni fa. Questo è uno dei risultati emersi dall’analisi Schroders Global Investor Study 2018, ricerca condotta su oltre 22.000 persone in 30 Paesi, che testimonia una sempre maggiore sensibilità degli italiani nei confronti della sostenibilità.

Oltre alla crescente attenzione, il 63% degli investitori italiani ha anche aumentato, rispetto a 5 anni fa, la percentuale di investimenti sostenibili nel proprio portafoglio. Lo studio di Schroders mette in luce la stessa tendenza anche a livello europeo e globale: a partire dal 2013, l’attenzione alla sostenibilità è diventato un fattore di scelta più rilevante per il 74% degli europei e per il 76% degli investitori a livello globale, mentre l’esposizione su strumenti sostenibili è aumentata per il 60% degli investitori in Europa e per il 64% a livello mondiale.

L’aumento degli investimenti sostenibili dichiarato dagli italiani si traduce in una percentuale media di allocazione del 36% del portafoglio, in linea con le percentuali a livello europeo (36%) e globale (37%).

La ricerca sottolinea una crescente consapevolezza da parte degli investitori sulla relazione positiva tra approccio sostenibile e rendimenti nel lungo periodo: solo il 23% degli italiani teme infatti una possibile correlazione negativa.

Ampio spazio poi agli ostacoli che frenano la crescita del settore. Emerge l’esigenza urgente di un’informazione più completa e trasparente sugli investimenti, manifestata dal 60% degli intervistati italiani.

Continua poi ad agire da barriera anche la mancata comprensione del significato reale di investimento sostenibile: il 16% degli italiani non riesce a individuare con precisione gli strumenti con un approccio realmente sostenibile (contro il 20% a livello europeo e 22% a livello globale), mentre per il 6% non è chiara la definizione di investimento sostenibile (7% in Europa e 9% globale).

 

Lascia un commento