L’olio fritto raccolto da Hera diventa il green diesel di Eni

26 Nov 2018
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Eni ed Hera si accordano per trasformare l’olio vegetale esausto in biocarburante destinato ad alimentare i mezzi aziendali della raccolta rifiuti dell’utility bolognese. L’intesa prevede che gli oli vegetali esausti di uso domestico, come quelli di frittura, recuperati da Hera attraverso circa 400 contenitori stradali e in circa 120 centri di raccolta, saranno inviati alla bioraffineria Eni di Venezia, a Porto Marghera, primo esempio al mondo di conversione di una raffineria di petrolio in bioraffineria, che lo trasformerà in green diesel, prodotto completamente rinnovabile che costituisce il 15% dell’Enidiesel+. Il biocarburante alimenterà i mezzi aziendali Hera per la raccolta dei rifiuti urbani. Nella fase sperimentale Enidiesel+ sarà utilizzato da una trentina di mezzi di grandi dimensioni, in modo da ottimizzare il beneficio ambientale, nell’area di Modena.

Lascia un commento