Odyssey: le donne nell’Am Usa sottorappresentate e sottopagate

18 Feb 2020
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Le donne che lavorano nell’asset management negli Stati Uniti sono sottorappresentate e sottopagate. A rilevarlo un sondaggio pubblicato la scorsa settimana dalla società di headhunter Odyssey Search Partners. Come riportato dalla rassegna sostenibile di questa settimana (Et.Observer/ 206) Odyssey ha intervistato circa mille persone che lavorano nelle investment unit tra dicembre e gennaio, ed è emerso che, mentre un quarto delle posizioni di head (26%) è in mano a donne, queste rappresentano soltanto l’11% dei membri del team di investimento.

I dati di Odyssey hanno mostrato, inoltre, che gli stipendi base medi annui delle donne intervistate erano costantemente inferiori a quelli degli uomini con un’esperienza professionale simile. Il gender pay gap è stato più evidente nella retribuzione media annua totale per gli analisti senior, con le donne che si portano a casa quasi il 31% in meno (630mila dollari di retribuzione) rispetto agli uomini (825mila dollari) nelle stesse posizioni.

Lascia un commento