Rischi ambientali? Per Pwc non sono la priorità nei board

20 Feb 2019
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Esiste un gap tra board director e temi Esg. O almeno per una parte dei consiglieri di amministrazione che hanno risposto all’indagine annuale della società di consulenza PwC “2018 Annual Corporate Directors Survey” di cui ETicaNews ha già parlato nella rubrica L’occhio sostenibile della settimana/166: quasi il 39% dei rispondenti ha infatti dichiarato che i cambiamenti climatici non dovrebbero essere presi in considerazione nella formazione della strategia aziendale, e circa il 30% pensa che gli azionisti prestino troppa attenzione a questi temi. In aggiunta, oltre la metà dei consiglieri non vede la necessità di approfondire l’argomento. La rilevazione sottolinea la necessità che i team di sostenibilità aziendale siano integrati in modo più olistico nelle funzioni operative chiave, piuttosto che essere gestiti separatamente. I risultati dell’indagine mostrano anche una lacuna di altra natura: i dirigenti di sesso maschile sarebbero più propensi a minimizzare la necessità di concentrarsi su questioni Esg rispetto alle loro controparti femminili. Ad esempio, mentre il 33% degli uomini che hanno risposto al sondaggio PwC dichiara che gli azionisti prestano troppa attenzione all’ambiente, la stessa risposta arriva soltanto dal 14% delle donne.

Lascia un commento