Shareholder Rights, licenziato il decreto. Ecco chi ha detto la sua

13 Feb 2019
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Approvato in via preliminare dal Consiglio dei ministri nella riunione del 7 febbraio il decreto legislativo in attuazione della direttiva (UE) 2017/828,  Shareholder Rights, che modifica la direttiva 2007/36/CE e introduce nuove misure volte a incoraggiare l’impegno a lungo termine degli azionisti.  Il documento arriva dopo la consultazione con gli stakeholder lanciata dal Mef e terminata il 18 dicembre 2018 a cui hanno partecipato 19 soggetti. In particolare, sul fronte delle imprese hanno inviato osservazioni le associazioni Assonime e Confindustria (leggi anche l’articolo di ETicaNews “Shareholder Rights, i dubbi di Assonime”, l’Abi, così come Unipol, unica impresa a far pervenire le proprie osservazioni singolarmente. Sul fronte degli investitori, si segnala l’UnPri, l’intervento di Assogestioni e di Assosim e quello dei fondi pensione con Assoprevidenza e Mefop (leggi anche l’articolo di ETicaNews “Mefop: «Shareholder Rights? Non serve imporre. Serve fare cultura»”). Ben rappresentate, come prevedibile, le società di proxy voting e di consulenza sulla governance: Frontis Governance, Glass Lewis, Minerva Analytics, Pirc. Presente anche Borsa Italiana e il mondo accademico italiano, con l’Università Bocconi, e stranierio con un documento congiunto dell’Università di Glasgow e l’Università di Warwick. Infine, non mancano gli studi legali con i documenti di Nctm, Studio Carbonetti, Trevisan & Associati e Gerin-Tropei.

 

Lascia un commento