S&P: la crescita Ue non sarà frenata dal nuovo Green Deal

20 Feb 2020
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Il Green Deal dell’Unione europea può dare impulso alle prospettive di crescita a lungo termine dell’area. È quanto sostiene S&P Global Ratings, nella  ricerca “Ue Green Deal: Greener Growth Doesn’t Necessarily Mean Lower Growth” pubblicata la scorsa settimana.

«Un Pil più basso può causare minori emissioni, ma emissioni più basse non determinano una crescita inferiore. La riduzione del 23% delle emissioni dell’Ue dal 1990 non ha indebolito la performance economica e non è dovuta a un settore dei servizi più ampio», ha affermato l’economista senior di S&P Global Ratings Marion Amiot nel report.

Ma il raggiungimento della carbon neutrality entro il 2050 «richiederà all’UE di fare di più», secondo l’analista del credito di S&P Global Ratings Anna Liubachyna, dal momento che  «solo Svezia, Portogallo e Grecia sembrano essere in grado di raggiungere gli obiettivi del 2030 per i settori che non fanno parte del sistema Emissions Trading Scheme».

La determinazione del prezzo del carbonio è il modo più efficiente per affrontare il cambiamento climatico, ma è difficile da attuare a causa del suo impatto sociale. L’Ue è invece favorevole a un budget verde di mille miliardi di euro e a una tassonomia per gli investimenti verdi. Tuttavia crediamo che non saranno sufficienti per raggiungere l’obiettivo.

La politica monetaria sembra sempre più propensa a offrire supporto, ma può solo incoraggiare il mercato a ridefinire il costo del carbonio. La sua natura anticiclica, inoltre, la rende meno efficace della politica fiscale.

L’Unione potrebbe utilizzare la politica commerciale se il suo obiettivo si estendesse al raggiungimento di un’impronta carbonio pari a zero, il che probabilmente sarebbe più dannoso per la crescita a breve termine a causa della sua maggiore incertezza e dei prezzi più alti.

Lascia un commento