ET.impact contributi - ambiti in crescita e a valenza sociale

I sei settori in cui investire a impatto

Contributi 18 Mag 2017 Risparmio SRI Commenta Commenta Stampa Invia ad un amico

Quali sono i comparti che oggi rappresentano un'opportunità di investimento impact? Devono prospettare crescite sostenibili e risvolti sociali positivi. Questa analisi ne propone sei: servizi finanziari, cambiamento climatico, cibo, salute, housing e istruzione

Analisi_eticaLa domanda a cui vogliamo rispondere in questa terza edizione della newsletter è: quali sono i settori in cui si investe tramite l’Impact Investing? L’intento, dunque, è quello di identificare i settori che si contraddistinguono per la presenza di due principali caratteristiche: (i) crescita sostenibile del business e (ii) impatto positivo sulla società e sull’ambiente.

Si possono suddividere gli investimenti a impatto sociale e ambientale principalmente in sei tematiche in cui è possibile investire, all’interno delle quali si trova un universo di strumenti a impatto estremamente vasto e variegato, composto da tutte quelle entità che stanno meglio interpretando il concetto di “triple bottom line”, ovvero aziende in grado di integrare obiettivi finanziari, sociali ed ambientali. I settori in questione sono (a) servizi finanziari, (b) cambiamento climatico, (c) alimentazione, (d) salute, (e) housing ed (f) istruzione.

I SERVIZI FINANZIARI

Partiamo dai servizi finanziari. Numerose ricerche dimostrano che le banche con un focus sull’economia reale, ovvero finanziamento di micro-piccole-medie imprese e persone alla base della piramide, sono tra le istituzioni finanziarie più efficienti e performanti al mondo. Investire in tali istituzioni ha un enorme impatto sociale, oltre che finanziario: oltre 2,5 miliardi di persone non hanno un conto correte, e circa 200 milioni di micro e piccole imprese non hanno accesso ad alcuna linea di credito. Essere esclusi dal sistema creditizio significa, ad esempio, non avere la possibilità di sviluppare una piccola attività commerciale, pertanto investire in tali istituzioni significa ridurre le disuguaglianze e favorire sviluppo economico e sociale.

CAMBIAMENTO CLIMATICO

Altro tema rilevante è il cambiamento climatico. L’ammontare medio annuo investito nelle energie pulite negli ultimi dieci anni è stato di 200 miliardi di dollari, e, solo nel 2016, comprendendo anche gli investimenti del settore pubblico, oltre 350 miliardi di dollari sono confluiti in questo settore. Le rinnovabili hanno attratto il doppio degli investimenti rispetto alle energie tradizionali, e l’aumento degli investimenti nelle energie pulite ha generato un circolo virtuoso. Gli investimenti caratteristici di questa tematica riguardano società che si occupano della produzione e distribuzione di energie rinnovabili, cosi come la commercializzazione di macchinari quali pale eoliche e impianti geotermali.

ALIMENTAZIONE

Quando si pensa agli investimenti a impatto, un altro tema rilevante è quello dell’alimentazione. Nei Paesi sviluppati vi è una crescente domanda di cibo naturale e organico (+9% annuo), dettata dalla necessità di sapere come sono stati prodotti gli alimenti che arrivano sulle tavole dei consumatori. Nei Paesi in via di sviluppo investire nel cibo significa invece affrontare le problematiche legate alla povertà, favorire l’accesso ai beni alimentari e promuovere le coltivazioni e le filiere protette, come quella del commercio equo e solidale.

SALUTE

Oltre al cibo, un tema essenziale nella vita di ogni giorno è quello dell’accesso alle cure sanitarie. Negli ultimi anni, le aziende che hanno investito maggiormente in ricerca e sviluppo con l’obiettivo di identificare soluzioni volte a risolvere le principali cause di morte sono state premiate dagli investitori per via del loro elevato valore aggiunto, per il progresso tecnologico e per il carattere innovativo che connota tali aziende. Promuovere l’accesso alle cure sanitarie significa quindi generare significativi ritorni finanziari e sociali, favorendo le cure a tutte le fasce della popolazione.

HOUSING

Con le enormi variazioni demografiche attualmente in atto, la domanda di abitazioni da parte delle classi a medio e basso reddito è in continua crescita. Per tale motivo investire nell’housing sociale rappresenta una risposta concreta, sia nei Paesi emergenti che nei Paesi sviluppati. Inoltre, tali investimenti hanno un profilo di rischio più contenuto rispetto a uno nel Real Estate più tradizionale, rendendo appetibili tali opportunità ad una larga platea di investitori.

ISTRUZIONE

Non da ultimo troviamo il settore dell’istruzione. È possibile investire in aziende in grado di favorire l’accesso a sistemi educativi primari, secondari o universitari, sia nei Paesi emergenti che in quelli sviluppati, con un focus verso persone a basso reddito o che vivono in condizioni disagiate, anche attraverso soluzioni di long-distance learning.  Il ritorno sociale è determinato dalla possibilità di rendere più competitivi e dinamici i Paesi, dando alle fasce più deboli della popolazione accesso a quegli strumenti necessari per affacciarsi in modo competitivo sul mercato del lavoro ed eventualmente creare nuove aziende o servire efficientemente il proprio Paese.

Ad oggi, le opportunità di investimento all’interno del mondo dell’Impact Investing sono ancora ridotte se paragonate all’insieme di soluzioni cui gli investitori hanno accesso. Spetta proprio agli investitori il compito più importante, ovvero fare crescere la domanda per gli Impact Investments, affinché anche l’offerta si espanda, offrendo così, nel lungo periodo, la possibilità di gestire l’intero patrimonio con un’ottica impact.

MainStreet Partners

Questo è il terzo articolo della serie di contributi, sul tema dell’impact investing, firmati per ETicaNews da MainStreet Partners, società di investimento indipendente con sede a Londra, specializzata in investimento a impatto sociale e ambientale

Lascia un commento