Enel lancia il primo Sdg bond europeo

14 Ott 2019
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Enel Finance International N.v. (Efi), società finanziaria di diritto olandese controllata da Enel spa, ha lanciato giovedì scorso il primo General purpose SDG linked bond sul mercato europeo, destinato a investitori istituzionali. L’emissione obbligazionaria prevede tre tranche, per un totale di 2,5 miliardi di euro, ed è legata al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni unite (Sdgs).

Per le prime due tranche, da un miliardo l’una (scadenza 2024 e 2027), il tasso di rendimento del bond è legato a uno specifico obiettivo di sostenibilità (in linea con l’Sdg 7): ossia il raggiungimento da parte di Enel, al 31 dicembre 2021, di una percentuale di capacità installata da fonti rinnovabili pari o superiore al 55% della capacità installata totale consolidata. In caso di mancato raggiungimento della quota prevista, sarà applicato un meccanismo di step up con un incremento di 25bps del tasso di interesse, a decorrere dal primo periodo di interesse successivo alla data di pubblicazione dell’assurance report del revisore, che certificherà i risultati.

Per la terza tranche, 500 milioni di euro con scadenza nel 2034, l’eventuale step up del tasso è legato al mancato raggiungimento di un obiettivo sulla riduzione delle emissioni: al 2030, le emissioni dirette di gas serra dovranno essere pari o inferiori a 125 g di CO2 per kWh. Quest’ultimo target è in linea con l’impegno assunto da Enel per ridurre del 70%, rispetto ai valori 2017, le proprie emissioni dirette di gas serra per kWh entro il 2030.

Il bond, garantito da Enel e lanciato nell’ambito del programma di emissioni obbligazionarie a medio termine di Enel ed Efi (Programma euro medium term notes – Emtn), ha ricevuto richieste in esubero per quasi 4 volte, totalizzando ordini per un ammontare pari a circa 10 miliardi di euro. Si prevede che l’emissione sia quotata sul mercato regolamentato della Borsa d’Irlanda.

Lascia un commento