Green bond Chanel. Il lusso cerca credenziali sostenibili

28 Set 2020
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Il lusso impazzisce per la finanza green che diventa uno strumento per associare la propria immagine a temi di sostenibilità. L’ultimo caso è quello di Chanel che, la scorsa settimana, ha emesso un sustainability bond da 600 milioni di euro. Nel caso della griffe francese, si tratta addirittura della prima iniziativa di raccolta di capitale, non essendo Chanel quotata e non avendo obbligazioni quotate. Insomma, debutto green.

L’emissione di Chanel dimostra quanto la sostenibilità rappresenti un target cruciale per le aziende del lusso, da raggiungere anche attraverso operazioni finanziarie.

Tra i marchi italiani, vanno ricordati i casi italiani di sustainability loan di Prada e Moncler

A livello internazionale, hanno emesso green bond Burberry e Vf Corporation.

Lascia un commento