I criteri Esg per disinnescare una “bolla Pir” da 68 miliardi di euro

16 Mag 2017
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Dietro le quinte, il boom dei Pir diventa “bolla dei Pir”. Una bolla che necessiterebbe di un parametro di finanza Sri per essere sgonfiata.
I piani individuali di risparmio, varati a fine 2016 dal Governo italiano, hanno l’intento di sostenere il capitale delle società quotate esterne al paniere dei titoli principali. Per chi investe in questi strumenti (attenzione al facile equivoco: non si investe, in realtà, nelle società quotate, ma si compra una quota di un prodotto che a sua volta compra azioni già collocate in Borsa di quelle società), sono previsti grandi incentivi fiscali. Da qui la corsa a ricercare i titoli delle small e mid cap di Piazza Affari.
Ebbene, secondo indiscrezioni raccolte da ETicaNews, gli operatori finanziari iniziano a chiedersi cosa potrà portare questa corsa. In effetti, se il tasso di raccolta dei Pir prosegue al passo attuale, si triplicheranno le stime del Governo (16-18 miliardi in 5 anni), verso un traguardo di 68 miliardi di euro a cinque anni.

Ebbene, per questa liquidità, dicono i trader, «non ci sono sufficienti pmi italiane da comprare».

Da qui l’opportunità di trovare un filtro di finanza responsabile, che cioè richieda alle pmi oggetto dei Pir di rispondere a precisi criteri Esg. In questo modo diventerebbe meno semplice costruire il prodotto Pir: da un lato, si richiederebbe ai costruttori di sviluppare una expertise Sri; dall’altro, si spingerebbero le aziende verso criteri di responsabilità; infine, si romperebbe l’incantesimo del guadagno facile, che sempre porta infauste conseguenze ai mercati.

 

Lascia un commento