I nuovi social bond Ubi Banca per Save the Children rendono lo 0,80%

17 Mag 2016
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

UBI Banca annuncia l’emissione del prestito obbligazionario “solidale” per un ammontare complessivo di 20 milioni di euro “UBI Comunità per Save the Children”. Il contributo verrà destinato al sostegno dell’intervento integrato di contrasto alla povertà educativa attraverso i 16 Punti Luce, centri ad alta densità educativa, destinati a bambini e adolescenti in età compresa tra i 6 ed i 16 anni, in territori privi o carenti di opportunità educative per minori.

I social bond, emessi da UBI Banca per massimo 20 milioni di euro (codice ISIN IT0005186355), hanno taglio minimo di sottoscrizione pari a 1.000 euro, durata tre anni, cedola semestrale, tasso annuo lordo pari allo 0,80 per cento. Possono essere sottoscritte dal 13 maggio 2016 al 30 giugno 2016, salvo chiusura anticipata o estensione del periodo di offerta. UBI Banca devolverà all’Organizzazione un contributo pari allo 0,50% del valore nominale delle obbligazioni sottoscritte. Il contributo complessivamente devoluto a Save the Children, a titolo di liberalità, può arrivare fino a 100.000 euro in caso di sottoscrizione dell’intero ammontare nominale delle obbligazioni oggetto dell’offerta. I beneficiari diretti delle attività dell’Organizzazione sono circa 6400 bambini e adolescenti dei Punti Luce operativi, ad oggi, sul territorio nazionale, mentre quelli indiretti sono famiglie, istituzioni ed enti privati chiamati a collaborare attivamente con l’obiettivo di creare una “comunità educante”, che ottimizzi energie e risorse a beneficio dei giovani del territorio.

«La scelta di Ubi Banca di continuare ad investire in strumenti innovativi ad impatto sociale come i social bond, risulta essere sempre più apprezzata dai nostri clienti. Inoltre, collegare il bond alla misurazione dello Sroi, consentendo così ai sottoscrittori di avere un riscontro trasparente dell’efficacia del progetto che hanno contribuito a realizzare, è un elemento importante nella scelta di investimento», sostiene Rossella Leidi, Chief Business Officer di UBI Banca. «Abbiamo deciso di supportare Save the Children perché crediamo fortemente nell’importanza dell’educazione e della cultura come elemento che può fare la differenza non solo per i ragazzi, ma anche per le loro famiglie e per le intere comunità dei territori coinvolti nel progetto.»

Da aprile 2012 a marzo 2016 il Gruppo UBI Banca ha emesso 76 Social Bond UBI Comunità, per un controvalore complessivo di oltre 786 milioni di euro, che hanno reso possibile la devoluzione di contributi a titolo di liberalità per oltre 3,8 milioni di euro volti a sostenere iniziative di interesse sociale e sono stati sottoscritti da oltre 28.000 clienti del Gruppo UBI. Inoltre sono stati attivati plafond per finanziamenti per oltre 20 milioni di euro destinati a consorzi, imprese e cooperative sociali.

Lascia un commento