Ubp lancia un nuovo fondo impact. E rafforza la governance

21 Mag 2020
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Nuovo fondo di impact investing per Union Bancaire Privée (Ubp) che, la scorsa settimana, ha lanciato il fondo Ubam – Positive Impact Emerging Equity. Il nuovo fondo si affianca all’Ubam – Positive Impact Equity, lanciato a settembre 2018 per investire in società che contribuiscono a risolvere problemi di rilevanza globale tra cui la scarsità di risorse, i cambiamenti climatici e la povertà. L’istituto privato svizzero, ha anche annunciato l’istituzione di un Impact Advisory Board e di un Impact Investment Committee.

Il fondo Ubam – Positive Impact Emerging Equity punta a generare un impatto sociale e ambientale misurabile, accanto a un rendimento finanziario, investendo in società quotate dei mercati emergenti. «Il portafoglio – si legge in una nota –consisterà di 35 – 45 azioni emergenti high-conviction che interesseranno sei tematiche collegate agli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni unite: bisogni primari, salute e benessere, economie inclusive ed eque, ecosistemi sani, stabilità del clima e comunità sostenibili. Il focus sarà su società innovative con un elevato potenziale di crescita e impegnate a indurre un cambiamento positivo. Gli investimenti iniziali del fondo includeranno società attive nelle energie rinnovabili e nello stoccaggio di energia, nella rivoluzione dei trasporti, nell’innovazione in materia di assicurazioni sulla vita e sanitarie e nella microfinanza».

Come anticipato, oltre a rafforzare la gamma di prodotti impact, Ubp ha formalizzato le sue disposizioni sulla governance in questo settore istituendo due organismi dedicati, l’Impact Advisory Board e l’Impact Investment Committee. Il primo, presieduto da Anne Rotman de Picciotto (figlia del fondatore di Ubp, Edgar de Picciotto, e membro del Cda) si riunisce ogni sei mesi per esaminare l’impatto delle società in cui investono i fondi impact della società. Mentre l’impact Investment Committee si occupa di sviluppare l’expertise specifica della banca integrando al tempo stesso le best practice del settore.

Lascia un commento