Banca Generali, gli Sdgs in un progetto fotografico

ET.Pro
16 Set 2021
In breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Banca Generali ha presentato ieri “BG4SDGs – Time to Change”, il progetto fotografico realizzato da Stefano Guindani e dedicato a esplorare il mondo della sostenibilità attraverso la matrice universale dei 17 SDGs che compongono l’Agenda Onu 2030. L’iniziativa è stata illustrata presso il nuovo Training & Innovation Hub di Banca Generali, con una tavola rotonda dedicata ai temi della sostenibilità moderata dal giornalista del Corriere Massimo Sideri, cui hanno partecipato Guindani, Michele Seghizzi (direttore marketing e relazioni esterne di Banca Generali), Alberto Salucci (direzione Transizione ambientale del Comune di Milano) e Alberto Diaspro (direttore del Dipartimento di nanofisica dell’Istituto Italiano di Tecnologia).

Attraverso la lente del proprio obiettivo, si legge nella nota di Banca Generali, Guindani indaga lo stato di realizzazione dei 17 ambiziosi traguardi definiti dalle Nazioni Unite. Per ciascuno di essi, la chiave del fotografo è duplice: da un lato si punta ad evidenziare l’azione negativa dell’uomo sull’ambiente e sulla comunità; dall’altro come lo stesso genere umano abbia invece una straordinaria capacità di recupero attraverso soluzioni innovative e sostenibili.

«L’Agenda Onu 2030 – ha dichiarato Gian Maria Mossa, amministratore delegato e direttore generale di Banca Generali – rappresenta una bussola imprescindibile per Banca Generali, tanto che siamo stati tra i primi operatori a credere nel modello di consulenza Esg all’interno della nostra rosa d’offerta, per consentire ai nostri private banker di costruire portafogli declinati secondo gli Sdgs che stanno maggiormente a cuore ai clienti».

Le fotografie di Guindani saranno pubblicate sui canali Instagram di Banca Generali e dell’artista stesso, con un calendario che prevede il racconto di un Sdg per ciascun mese, per una durata totale di 17 mesi. A fine 2022, gli scatti più rappresentativi saranno oggetto di una mostra fotografica itinerante e di un catalogo dedicato.

0 commenti

Lascia un commento