Efficienza energetica, le donne sono più sostenibili degli uomini

ET.Pro
14 Gen 2022
In breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Le donne hanno comportamenti più sostenibili degli uomini sul fronte dell’efficienza energetica. A rilevare come il genere incida sui comportamenti sostenibili è lo studio “The role of gender and self-efficacy in domestic energy saving behaviors: A case study in Lombardy, Italy”, realizzato dal dipartimento di Psicologia Sociale dell’Università Statale di Milano e dal dipartimento Unità Efficienza Energetica dell’Enea, che indaga i meccanismi psicologici nell’adozione di comportamenti efficaci nei consumi domestici.

La ricerca ha esplorato la relazione tra genere, autoefficacia e comportamenti di risparmio energetico a livello familiare. L’indagine è stata condotta con 155 persone appartenenti a 59 nuclei familiari, 48,8% uomini e 51,5% donne che coprono diverse fasce di età (35.5% 18–37 anni, 36.1% 38–57, 28.4% over 58, 7,8% over 78). I partecipanti sono tutti residenti in Lombardia, 66,1% in appartamento e 32,2% in unità indipendenti.

I risultati indicano che le donne hanno comportamenti più sostenibili nell’indossare abiti più pesanti durante l’inverno e nell’utilizzare i grandi elettrodomestici a pieno carico. Inoltre, sebbene uomini e donne attribuiscano pari importanza alla riduzione dei consumi energetici, le donne mostrano una maggiore autoefficacia per la sostenibilità, ovvero la convinzione di potere raggiungere buoni risultati in quest’ambito.

A rivelarsi più virtuose, però, non sono solo le donne: anche i giovani più degli anziani e i condomini piuttosto che chi vive in abitazioni singole. Gli anziani sono sensibili al risparmio di elettricità e acqua per finalità economiche, mentre i più giovani lo sono per un approccio più ideologizzato, con una maggiore cultura della sostenibilità, più aperta al cambiamento.

0 commenti

Lascia un commento