Et.Analist/ Columbia Threadneedle: «Il “capitalismo morale” cambierà i mercati»

ET.Pro
9 Giu 2020
ET.Analist Commenta Stampa Invia ad un amico

ET.Analist è lo spazio in cui ETicaNews raccoglie i contributi di analisti, asset manager e studiosi che fanno il punto su temi specifici del mondo della finanza sostenibile. Nell’ultimo numero (Finanza Sri, ultimi report degli analisti/ 16) Pauline Grange, gestione di portafoglio, Azioni globali di Columbia Threadneedle Investments, nell’analisi “10 fattori che potrebbero cambiare le economie e i mercati per sempre”, individua 10 tendenze emergenti dalla crisi del Covid-19 che potrebbero cambiare «per sempre» le economie e i mercati.

Sotto un profilo prettamente Esg, Grange sottolinea in particolare due fattori: il rilancio dell’agenda green e il tema del “capitalismo morale”; a cui si associa una terza tendenza che offre una nuova lettura in termini di sostenibilità, ossia il “picco della globalizzazione” (le altre tendenze riguardano il passaggio alle carte di pagamento; salute e igiene; progressi della comunità medica; smartworking; riduzione degli attacchi ai colossi tecnologici; crescita dei consumi online; accelerazione dei principali trend tecnologici).

Per quanto riguarda la tendenza green, Columbia Threadneedle sottolinea che i Paesi che stanno beneficiando di minori livelli di inquinamento atmosferico e idrico potrebbero cercare di preservare questo cambiamento con il supporto degli stimoli fiscali e un aumento degli investimenti in energia rinnovabile e infrastrutture per i veicoli elettrici.

Mentre la questione “capitalismo morale” tocca la «riorganizzazione profonda» delle aziende. «In un contesto di crescente disuguaglianza sociale nei mercati occidentali si sta già mettendo in dubbio il ricorso ai riacquisti azionari da parte delle società per incentivare i prezzi dei titoli a spese dell’attività di investimento e dei bilanci. Ma nel periodo successivo al Covid-19 questi dubbi potrebbero aumentare? Nella mentalità dei consumatori potrebbe cambiare radicalmente la scala dei valori visto che abbiamo sperimentato un’effettiva riduzione delle libertà. Improvvisamente, potremmo ritrovarci a dare meno importanza alle cose materiali, mentre le esperienze, la salute/forma fisica e l’impegno sociale saliranno nelle priorità dei consumatori».

Qui tutti i numeri di Et.Analist.

0 commenti

Lascia un commento