professioni / 2 - niente riforme ma c'è il secondo round

I giovani devono dimenticare i vecchi

19 Mar 2012
Editoriali Commenta Stampa Invia ad un amico
Periodo caldo per le professioni. Sventato, ancora una volta, l'attacco frontale, ora si prepara quello più insidioso. L'attacco alle spalle. O, forse, addirittura dalle retrovie. Gli ordini professionali italiani hanno di fatto azzerato le misure più temute delle proposte di legge del Governo in tema di liberalizzazioni.

Contenuto Riservato

Questo è un servizio o contenuto per chi è abbonato ET.Pro. Clicca qui
per scoprire le modalità di abbonamento e i vantaggi riservati agli abbonati. Se sei già un abbonato effettua il login