Commissione Ue, nuove strategie su biodiversità e cibo sostenibile

22 Mag 2020
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

La Commissione europea ha adottato, il 20 maggio, la nuova strategia globale sulla biodiversità e la strategia “Farm to Fork” (dal campo alla tavola) per un sistema alimentare equo, sano ed ecologico. Le due strategie si inseriscono lungo la linea dettata dall’European Green Deal lanciato dalla Commissione Ue qualche mese fa.

La strategia sulla biodiversità, come si legge nel comunicato diffuso da Bruxelles, «affronta le principali cause della perdita di biodiversità, come l’uso non sostenibile della terra e del mare, lo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali, l’inquinamento e le specie esotiche invasive». La Commissione fa un riferimento esplicito alla pandemia Covid-19, sottolinea che il nuovo programma «mira a rendere le considerazioni sulla biodiversità parte integrante della strategia globale di crescita economica dell’Ue», e detta una serie di obiettivi «vincolanti» per  il ripistino degli ecosistemi «entro il 2030». Per attuare questa strategia verrà sbloccato un finanziamento di 20 miliardi di euro all’anno attraverso varie fonti, tra cui fondi dell’Ue, finanziamenti nazionali e privati.

La strategia “Farm to Fork”, invece, mira a trasformare il sistema alimentare dell’Ue in un sistema sostenibile «che salvaguardi la sicurezza alimentare, garantisca l’accesso a cibi sani provenienti da un pianeta sano». La strategia fissa obiettivi concreti, tra cui «una riduzione del 50% dell’uso e del rischio di pesticidi, una riduzione di almeno il 20% dell’uso di fertilizzanti, una riduzione del 50% delle vendite di antimicrobici utilizzati per gli animali d’allevamento e l’acquacoltura, e il raggiungimento del 25% dei terreni agricoli in agricoltura biologica». La Commissione propone inoltre misure ambiziose «per garantire che l’opzione salutare sia la più facile per i cittadini dell’Ue», questo comprende anche una migliore labelling che contenga informazioni sulla sostenibilità degli alimenti.

 

 

Lascia un commento