Wef: clima e divisioni sociali tra i maggiori rischi globali

ET.Pro
14 Gen 2022
In breve Commenta Stampa Invia ad un amico

I rischi climatici sono al centro delle preoccupazioni di tutto il mondo, sul lungo termine. Ma nel breve termine,  i maggiori timori a livello globale sono rappresentati dalle divisioni sociali, dalle crisi dei mezzi di sussistenza e dal deterioramento della salute mentale. Lo rivela il Global Risks Report 2022, pubblicato dal World Economic Forum (Wef).

Giunto alla sua 17ª edizione, lo studio invita i leader a pensare fuori dagli schemi dei report trimestrali e a creare politiche che gestiscano i rischi e definiscano il programma degli anni a venire. Il documento si focalizza su quattro aree di rischio emergente: sicurezza informatica, concorrenza nello spazio, transizione climatica e pressioni migratorie. E specifica che ciascuna di queste aree richiede un coordinamento globale per una gestione efficiente.

Emerge che, con la pandemia ancora in corso per il terzo anno, i rischi principali sono rappresentati dalla crisi climatica, seguiti dall’aumento delle divisioni sociali, l’impennata dei rischi informatici e una ripresa globale irregolare. Inoltre, in base a un sondaggio condotto a livello globale, solo un esperto su sei è ottimista e solo un esperto su 10 ritiene che la ripresa globale accelererà.

Per risolvere questi problemi sistemici, il report sprona i leader mondiali ad adottare un approccio coordinato tra più stakeholder, ma avverte anche che il margine di collaborazione si sta restringendo.

0 commenti

Lascia un commento