Eni gas e luce diventa Società Benefit

ET.Pro
2 Lug 2021
In breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Eni gas e luce ha aggiornato il proprio Statuto Sociale in Società Benefit. È la prima grande azienda italiana del settore dell’energia a integrare nel proprio oggetto sociale, accanto all’obiettivo di profitto, lo scopo di avere un impatto positivo sulla società, le comunità, le persone, e l’ambiente.

La controllata di Eni ha assunto l’impegno statutario, nei confronti dei propri azionisti, di bilanciare gli interessi degli shareholder, del pubblico e di tutti gli stakeholder. Inoltre, l’azienda è tenuta a redigere una relazione annuale di impatto da allegare al bilancio e pubblicare sul proprio sito. Gli obiettivi di Società Benefit, ha scritto il gruppo in una nota, saranno anche sostenuti dall’integrazione delle attività di energia rinnovabile nella società.

In particolare, l’azienda si impegna: a diffondere la cultura dell’uso sostenibile dell’energia per contribuire attivamente alla transizione energetica; a promuovere lo sviluppo e la commercializzazione di prodotti, servizi e tecnologie per un utilizzo responsabile dell’energia; a salvaguardare, nei rapporti con i propri dipendenti e collaboratori, la diversità e l’integrazione come risorse preziose, e a creare condizioni favorevoli all’accoglienza e alla flessibilità del lavoro; ad accompagnare i clienti a fare un uso migliore dell’energia e porli al centro della propria attività, relazionandosi con loro con correttezza e trasparenza.

«L’aggiornamento dello Statuto in Società Benefit – ha dichiarato Alberto Chiarini, Amministratore Delegato di Eni gas e luce – segna per noi un ulteriore passo nella realizzazione degli impegni portati avanti negli ultimi anni. Dalla sua costituzione, Eni gas e luce ha sempre lavorato per proporre prodotti e servizi che andassero oltre la fornitura di gas ed energia con l’obiettivo di aiutare le persone a farne un uso migliore. Con l’integrazione del business delle rinnovabili, Eni gas e luce acquista un ruolo sempre più centrale e di avanguardia nella transizione energetica».

0 commenti

Lascia un commento