L’impegno di Google: Carbon-free entro il 2030

18 Set 2020
In Breve Commenta Stampa Invia ad un amico

Google fa un ulteriore passo avanti nella lotta ai cambiamenti climatici. Il ceo Sundar Pichai ha annunciato, in un post ufficiale pubblicato il 14 settembre sul blog della società, che il gigante di Mountain View si impegna a operare con energia priva di emissioni di carbonio 24 ore su 24, 7 giorni su 7 in tutti i suoi data center e campus nel mondo entro il 2030. L’obiettivo, ha spiegato il numero uno di Google, è di «contribuire a costruire un futuro senza emissioni di carbonio per tutti».

Pichai ha ricordato i traguardi già raggiunti dalla società: «Siamo stati la prima grande azienda a diventare carbon neutral nel 2007. Siamo stati la prima grande azienda a far coincidere il nostro consumo di energia con il 100% di energia rinnovabile nel 2017. Gestiamo il cloud globale più pulito del settore e come società siamo il maggiore acquirente di energia rinnovabile del mondo».

In più, Google ha portato la sua impronta storica di carbonio a zero (incluse le emissioni generate dalle sue attività prima di diventare carbon neutral nel 2007), attraverso l’acquisto di compensazioni di carbonio di alta qualità. Tuttavia, il ceo ha sottolineato che l’approccio tradizionale, in cui si compensa l’utilizzo di energia con fonti rinnovabili, non è più sufficiente «se vogliamo evitare le peggiori conseguenze del cambiamento climatico». Per questo la “Big G” ha deciso di impegnarsi da subito per raggiungere l’obiettivo di operare completamente carbon-free entro il 2030. Inoltre, ha annunciato che sta investendo in tecnologie nelle regioni di produzione per consentire 5 Gw di nuova energia priva di emissioni di carbonio, per aiutare 500 città a ridurre le loro emissioni e per trovare nuovi modi per responsabilizzare un miliardo di persone attraverso i suoi prodotti.

Pichai ha stimato che l’impegno ambientale di Google genererà direttamente più di 20mila nuovi posti di lavoro nel settore dell’energia pulita e nelle industrie associate, sia negli Usa sia nel resto del mondo, entro il 2025.

Lascia un commento