Il gruppo Unipol ha pubblicato il suo primo bilancio integrato. Il rapporto è stato redatto sulla base dei principi contenuti nell’International integrated reporting framework. L’informativa di sostenibilità è stata realizzata in linea con le linee guida “G4 sustainability reporting guidelines” e, nella predisposizione del bilancio integrato, sono stati considerati, su base volontaria, gli ambiti di rendicontazione previsti dal decreto non financial (decreto legislativo 254 del 30 dicembre 2016).

«Il primo bilancio integrato di gruppo, dopo 23 anni di rendicontazione sociale, rappresenta per noi un a nuova tappa nell’impegno raccontarci in modo completo e trasparente. Il lavoro fatto quest’anno da tutte le aree aziendali congiuntamente è stato orientato ad identificare ed esplicitare gli elementi che ci caratterizzano e sui quali riteniamo importante che i nostri interlocutori ci valutino», scrive nel rapporto il presidente Pierluigi Stefanini concludendo che il gruppo sta «operando per sviluppare un pensiero integrato al fine di migliorare la nostra capacità di accrescere i capitali (finanziario,produttivo, sociale, umano, intellettuale, naturale) di cui siamo dotati».

Ad aprile 2016 il gruppo ha presentato il primo piano integrato, integrando la sostenibilità nei cantieri del piano industriale.

0 commenti

Lascia un commento