ET.DIRECTORIES - I REPORT DELLE ULTIME TRE SETTIMANE

Quelli che… studiano la sostenibilità/ 46

12 Lug 2019
Senza categoria Commenta Stampa Invia ad un amico
Una selezione di studi e ricerche su business e finanza responsabili che ETicaNews ha incontrato nell'ultimo periodo. In questo numero: Hermes Investment Management e Beyond Ratings, Bnp Paribas AM, Etfgi Esg, Kpmg, Novethic, Ubs Asset Management e Responsible Investor

Nella sua attività quotidiana, ETicaNews riporta o menziona con continuità ricerche, analisi, report sul business sostenibile e responsabile. Di seguito, riportiamo una selezione relativa alle ultime settimane, con una breve sintesi del contenuto e con un rimando al relativo articolo. Questi report sono una minima parte delle centinaia di ricerche che ETicaNews ha incrociato nel suo percorso, e che stiamo raccogliendo nelle nostre Directories, per offrire un riferimento unico ai professionisti dell’economia e della finanza responsabile. Il servizio Directories fa parte del pacchetto ET.pro.

ABBIAMO PARLATO DELl’indagine…

Pricing ESG Risk in Sovereign Credit, (Hermes Investment Management e Beyond Ratings)

ARTICOLO: La salute Esg dei Paesi passa per i Cds

Esiste un rapporto tra il punteggio Esg di un Paese e il relativo spread di credito. Lo ha rilevato la recente indagine realizzata da Hermes Investment Management in collaborazione con il provider di rating e dati Esg, Beyond Ratings. Lo studio ha analizzato gli spread dei Cds (Credit defaul swap) a cinque anni e i punteggi Esg (ambientali, sociali e di governance) di 59 Paesi nel periodo 2009-2018. È emerso che i Paesi con i punteggi Esg più elevati vantano, in media, spread creditizi più bassi rispetto ai Paesi che hanno punteggi inferiori. Questa conclusione suggerirebbe anche una correlazione positiva tra punteggi Esg e rating creditizi. Dall’indagine emerge anche che la G assume un peso maggiore rispetto agli altri fattori (E e S)

ABBIAMO PARLATO della ricerca…

Propensione all’investimento sostenibile: l’Italia e l’Europa (Bnp Paribas Asset Management)

ARTICOLO: Vorrei-ma-non-posso Sri, Italia batte tutti

L’Italia resta il mercato europeo con la maggior necessità di informazione Sri, come conseguenza del maggiore gap tra obiettivi degli investitori e risposte del sistema finanziario. È quanto emerge da una ricerca pubblicata, per il secondo anno consecutivo, da Bnp Paribas Asset Management, focalizzata sul comportamento dei risparmiatori europei riguardo ai socially responsible investing. L’indagine è stata condotta da Kantar, società specializzata in ricerche di mercato, nel dicembre scorso a margine della Cop24, su un campione di 5mila investitori individuali in Germania, Belgio, Francia, Italia e Paesi Bassi che detenevano almeno 50mila euro in prodotti di risparmio gestito.

ABBIAMO PARLATO del report…

Global Etfgi (Etfgi Esg)

ARTICOLO: La maggior parte degli Etf Esg è domiciliata in Europa

L’Europa detiene la quota più alta di Etf Esg (Environmental, social and governance) a livello mondiale. Questo nonostante la  maggior parte del patrimonio mondiale dei replicanti sia domiciliato negli Stati Uniti. A rilevarlo è la società di ricerca indipendente Etfgi che, nel report Global Etfgi di maggio, approfondimento mensile sulla situazione degli Etf e degli Etp a livello mondiale, sottolinea come il 70% dei 5.320 miliardi di dollari del patrimonio mondiale investito in Etf sia domiciliato negli Stati Uniti, ma il 60% delle attività dei cloni Esg sia domiciliato in Europa.

ABBIAMO PARLATO DELl’indagine…

Change Readiness Index (Kpmg)

ARTICOLO: Change Readiness Index: Svizzera, Singapore e Danimarca sul podio

La Svizzera è, per il secondo anno consecutivo, sul primo gradino del podio del Change Readiness Index (Cri) 2019, Singapore e Danimarca occupano le altre due posizioni, mentre in generale l’Europa ha avuto le performance migliori rispetto a tutti gli altri continenti. L’indice è sviluppato da Kpmg per indicare la capacità di un Paese di anticipare, preparare, gestire e rispondere a una vasta gamma di fattori di cambiamento, coltivando in modo proattivo le opportunità e mitigando potenziali impatti negativi.

ABBIAMO PARLATO dello studio…

Esg and Green labels (Novethic)

ARTICOLO: Novethic analizza le 8 label green in Europa

Novethic, società francese di analisi di sostenibilità, ha pubblicato «la prima analisi – si legge in una nota – su standard e label di finanza sostenibile disponibili in Europa». In poco più di un decennio, la finanza sostenibile ha portato alla creazione di otto etichette specializzate. «In una fase in cui sta crescendo la domanda di alternative di finanza sostenibile – ha spiegato AnneCatherine Husson-Traore, ceo di Novethic – , abbiamo ritenuto fosse essenziale fare chiarezza sull’attuale offerta di label di finanza sostenibile in Europa».

ABBIAMO PARLATO DELl’indagine…

ESG: Do you or don’t you? (Ubs Asset Management e Responsible Investor)

ARTICOLO: Asset owner, sono Esg anche senza Unpri

Il Vecchio continente mantiene la quota maggiore di asset under management (Aum) Esg a livello mondiale, ma i Paesi asiatici hanno visto, nell’ultimo periodo, una crescita consistente del settore. E si configura una tendenza anche futura. La panoramica sulle scelte di investimento degli asset owner rientra nel recente studio a livello globale, condotto da Ubs Asset Management e Responsible Investor. Lo studio si basa su un sondaggio su 613 investitori (19 in Italia), che rappresentano più di 19mila miliardi di euro di Aum aggregati, di questi, il 51% proviene dal mondo dei fondi pensione corporate e il  63% non rientra tra i firmatari dei Principi di investimento sostenibile delle Nazioni unite (UnPri). Questo, sottolineano gli analisti, inserisce l’iniziativa in un perimetro «che va oltre i “soliti sospetti” per la ricerca a tema Esg».

Lascia un commento