Prima puntata del viaggio tra gli investimenti responsabili

L’Atlante Sri Italia parte dagli Etf

18 Gen 2018
ET.inchieste Risparmio SRI Commenta Stampa Invia ad un amico
Etf Sri e fondi azionari, obbligazionari e tematici socialmente responsabili. Con tanto di performance, rating, punteggi, confronti. E descrizione delle spese correnti. Al via oggi il primo appuntamento dell'Atlante Sri Italia alla scoperta degli investimenti Sri

Etf Sri e fondi azionari, obbligazionari e tematici socialmente responsabili. Con tanto di performance, rating, punteggi, confronti. E descrizione puntuale delle spese correnti di ciascun prodotto, per capire, in sostanza, se ci sono altri costi da considerare. Inizia oggi, e punta più in alto di quanto non avesse mai fatto finora, l’Atlante Sri Italia dell’Osservatorio Sri di ETicaNews. Un’analisi a puntate del mondo dell’investimento socialmente responsabile in verde, bianco e rosso. Una serie di appuntamenti rivolti ai professionisti di ET.pro che, nel corso di qualche mese, costituiranno la prima vera bussola per orientarsi nel settore e comprenderne le possibilità di guadagni e crescita.

ETF SRI: LA PRIMA PUNTATA

Questo primo appuntamento con l’Atlante Sri, comincia con una panoramica degli Etf. Un focus affrontato in questa occasione per la prima volta dall’Osservatorio Sri. Nel dettaglio, nella prima puntata disponibile dell’Atlante Sri Italia (VAI ALLA PAGINA DELL’ATLANTE) si dipinge la situazione di questo settore da tre angolature diverse: il mercato italiano degli Etf Sri, la loro evoluzione nel tempo, le categorie esistenti.

Si scopre così, innanzi tutto, che a fronte di 785 Etf quotati su Etf Plus di Borsa Italiana e 18 emittenti registrati a fine dicembre 2017, quelli focalizzati sugli investimenti Sri sono 19, pari dunque al 2,5% del totale (qui l’elenco completo).

Il patrimonio investito in Eft Sri ammonta in tutto a più di 4 miliardi di euro (dati aggiornati al 9 gennaio 2018).

Le società emittenti di Etf Sri in Italia sono sei: Amundi, BlackRock (divisione iShares), Bnp Paribas, Ossiam, Société Générale (divisione Lyxor Etf) e Ubs. Tra queste, la società con il numero maggiore di prodotti è Ubs, che ne offre 8 in tutto, contro gli uno-due proposti dalle altre società.

LA PROGRESSIONE NEL TEMPO

Da questa prima analisi degli Etf che investono prendendo in considerazione fattori ambientali, sociali e di governance, emerge una crescita costante nel tempo di questi prodotti. Se nel 2007 si contavano quattro nuovi Etf Sri, infatti, nel 2011 ce n’erano altri cinque, fino ad arrivare ai 19 attualmente disponibili in Italia.

CATEGORIE E GEOGRAFIA DEGLI ETF SRI

Le categorie in cui possono essere suddivisi gli Etf socialmente responsabili sono tre: undici rientrano tra gli azionari, altri tre sono obbligazionari corporate, mentre cinque sono tematici. E seppure numericamente l’offerta non sia enorme, da un punto di vista geografico gli Etf azionari offrono varie possibilità. La concentrazione maggiore di investimenti si rivolge agli Stati Uniti (quattro Etf), mentre gli altri si dividono tra mercati emergenti, Asia e Pacifico, Giappone e zona Euro.

Quanto ai settori d’investimento, i tematici sono focalizzati su acqua, energy e materie prime.

LA METODOLOGIA UTILIZZATA

La lista degli Etf quotati nel nostro Paese, naturalmente, è stata estratta dal sito di Borsa Italiana, mentre la selezione di quelli Sri, la loro categorizzazione ed elaborazione è a cura dell’Osservatorio Sri di ETicaNews.

L’Osservatorio Sri si è anche occupato dell’elaborazione del patrimonio gestito, utilizzando informazioni pubblicate da ciascun emittente in data 11 gennaio 2018 e convertendo tutti i patrimoni in euro.

Marco Ratti

Lascia un commento