L'Integrated governance index sulle 40 blue chip di piazza affari

Governance Csr, un indice sul Ftse-Mib

24 Feb 2016
News CSR Commenta Stampa Invia ad un amico
Nell’ambito dell’ Osservatorio sull’Integrated Governance lanciato da ETicaNews insieme a TopLegal, e con il supporto tecnico di Nedcommunity, Sodali, e Methodos, è proposta un’indagine quantitativa rivolta alle 40 aziende del paniere Ftse-Mib.

L’EVENTO È STATO SPOSTATO AL 23 GIUGNO 2016

Logo_IGI_bluMisurare per gestire meglio e aumentare la consapevolezza. Ecco perché nell’ambito dell’ Osservatorio sull’Integrated Governance lanciato da ETicaNews insieme a TopLegal, e con il supporto tecnico di Nedcommunity, Sodali e Methodos, è proposta un’indagine quantitativa rivolta alle 40 aziende del paniere Ftse-Mib sulla cui base verrà costruito l’Integrated Governance Index (Igi). Un indice che non vuole essere né uno strumento predittivo né prescrittivo ma uno strumento di presa di consapevolezza e di dialogo sulle best practice.

L’obiettivo dell’Osservatorio è capire il livello di «buon governo integrato» dei principali gruppi quotati italiani, ispirato all’ultimo documento prodotto dall’Unep Fi (United Nations Environment Programme Finance Initiative).

Il questionario, che è stato inviato nei giorni scorsi a tutte le 40 società del Ftse-Mib, affronta diverse tematiche: 1) l’integrità e i conflitti di interesse nel consiglio di amministrazione; 2) la diversity nel cda; 3) la struttura delle retribuzioni degli amministratori esecutivi e management e i piani di successione; 4) le procedure e pratiche di integrazione della sostenibilità nella strategia di business; 5) il reporting e la disclosure agli stakeholder (investitori, dipendenti, fornitori, altri stakeholder rilevanti); 6) i comitati del cda legati alla sostenibilità del business.

Nello spirito dell’indagine, che ha come focus la governance integrata, si punta a coinvolgere nella compilazione del questionario diverse funzioni, oltre all’amministratore delegato: come gli Affari Legali, Amministrazione e Finanza, Compliance, Comunicazione, Csr manager, Internal Audit, Investor Relation, Presidente del Cda, Rischi, Risorse Umane, Segretario del cda.

L’iniziativa non ha precedenti in Italia per la profondità scientifica con cui si affronta una tematica ancora di “frontiera”. La governance della sostenibilità, cioè capace di essere fattore strutturale di lungo periodo, sta affermandosi come una variabile cruciale per le aziende impegnate a ridisegnare i propri modelli in un’ottica di sostenibilità futura (che va di pari passo allo sviluppo dell’integrated reporting). Le specializzazioni complementari dei soggetti coinvolti (insieme a ETicaNews e TopLegal, Nedcommunity, Methodos e Sodali) hanno consentito di costruire un osservatorio coerente con le indicazioni delle organizzazioni internazionali in merito a strategia e bilancio integrati.

APPUNTAMENTO IL 24 MAGGIO

L’Osservatorio non si ferma alla misurazione di quanto stanno facendo le aziende per il presidio dei temi Esg e di come ciò si riflette nelle scelte anche di carattere organizzativo, ma affianca altre due rilevazioni: il punto di vista degli amministratori indipendenti (leggi l’intervista al presidente di Nedcommunity Paola Schwizer), che permette di conoscere lo stato dell’arte della situazione al di là di quanto dichiarato dalle aziende, e il punto di vista degli investitori istituzionali.

I risultati delle tre ricerche verranno presentati il 24 maggio nella “Integrated Governance Conference”, una giornata di studio, confronto e networking sui temi lanciati dall’osservatorio. Particolare attenzione sarà data alle best practices individuate dall’Integrated Governance Index che verranno commentate insieme alle aziende protagoniste. Un’occasione per dialogare con i protagonisti del mercato: all’evento saranno presenti i grandi investitori in cerca di buona governance della sostenibilità, dalle Sgr ai fondi pensione, dagli analisti delle banche d’affari ai rappresentanti di associazioni, istituzioni e università, passando per il mondo degli studi legali e dei consulenti.

Lascia un commento