Al via primo osservatorio sulla governance della sostenibilità

Un indice per il buon governo Csr

10 Feb 2016
News CSR Commenta Stampa Invia ad un amico
ETicaNews lancia l'Integrated Governance Index sulle blue chip quotate a Piazza Affari. Un indice per dialogare con gli investitori in cerca di buona governance Csr. È realizzato insieme a TopLegal e con il supporto scientifico di Nedcommunity, Sodali e Methodos

L’EVENTO È STATO SPOSTATO AL 23 GIUGNO 2016

Logo_IGI_bluQuanto la governance della sostenibilità è oggi nelle aziende un fattore centrale per lo sviluppo del business? Cosa avviene all’interno dei consigli di amministrazione? E qual è l’opinione dei grandi investitori istituzionali? Per rispondere a queste domande è nato il primo osservatorio in Italia sulla governance della sostenibilità, o “Integrated Governance”, ossia quel processo per cui una buona governance diventa un elemento cruciale per lo sviluppo responsabile e sostenibile del business.

L’iniziativa non ha precedenti in Italia per la profondità scientifica con cui si affronta una tematica ancora di “frontiera” e porterà all’elaborazione del primo Integrated governance index, Igi, un indice sulla governance della sostenibilità delle blue chip di Piazza Affari. L’osservatorio è promosso da ETicaNews insieme a TopLegal, rivista di riferimento degli studi legali associati e le direzioni legali italiani, con il supporto tecnico di Nedcommunity, l’associazione italiana degli amministratori non esecutivi e indipendenti, di Sodali, società di consulenza internazionale sui temi di corporate governance, investor relations, assemblee degli azionisti e operazioni cross-border, e di Methodos, società di consulenza specializzata in cultural change programs e integrated thinking.

GOVERNARE LA SOSTENIBILITÀ 

Le specializzazioni complementari dei soggetti coinvolti hanno consentito di costruire un osservatorio coerente con le indicazioni delle organizzazioni internazionali in merito a strategia e bilancio integrati. La governance della sostenibilità, cioè capace di essere fattore strutturale di lungo periodo, sta affermandosi come una variabile cruciale per le aziende impegnate a ridisegnare i propri modelli in un’ottica di sostenibilità futura (che va di pari passo allo sviluppo dell’integrated reporting).

Lo studio inedito dell’osservatorio si articola su tre ricerche: 1) un’indagine quantitativa rivolta alle 40 aziende del paniere Ftse-Mib sulla cui base verrà costruito l’Integrated Governance Index; 2) un’indagine qualitativa condotta in parallelo presso i consiglieri indipendenti delle aziende, con l’obiettivo di confrontare lo “stato dell’arte” delle imprese con ciò che, effettivamente, avviene all’interno dei consigli di amministrazione; 3) la terza indagine riguarda i grandi investitori istituzionali che esprimeranno la propria visione sul grado di «integrated governance» delle società italiane.

UN INDICE PER “DIALOGARE” CON GLI INVESTITORI

I risultati dell’Integrated Governance Index verranno presentati il 24 maggio nella “Integrated Governance Conference”, una giornata di studio, confronto e networking sui temi lanciati dall’osservatorio. Particolare attenzione sarà data alle best practices individuate dall’Integrated Governance Index che verranno commentate insieme alle aziende protagoniste. Un’occasione per dialogare con i protagonisti del mercato: all’evento saranno presenti i grandi investitori in cerca di buona governance della sostenibilità, dalle Sgr ai fondi pensione, dagli analisti delle banche d’affari ai rappresentanti di associazioni, istituzioni e università, passando per il mondo degli studi legali e dei consulenti.

Lascia un commento